Plastica e Africa. Il mio reportage dall’Etiopia su L’Espresso

‪“La gerarchia delle sostanze è abolita. Una sola le sostituisce tutte”, diceva Roland Barthes della plastica nel 1957, quando iniziava la sua incredibile diffusione. Aveva ragione, ne abbiamo riempito ogni angolo del pianeta. Ora la plastica è diventato feticcio, immagine della nostra irresponsabilità verso il pianeta. La plastica decaduta è ora simbolo della fine del consumismo. La nuova “ecologia” occidentale e l’Africa, due poli apparentemente opposti. Oggi il riciclaggio, lì dove la plastica è ovunque, è diventato un business. E il nuovo primo ministro in Etiopia, finalmente liberale, non riesce (ancora?) a fermare le guerre etniche regionali per dominarlo. Sono stato in Etiopia per capire da vicino una delle più grandi contraddizioni del nostro mondo. Il mio lungo reportage su L’Espresso. Le belle foto sono di Alessandro Penso.

2019-05-30T10:42:18+00:00 27 maggio 2019|